• Black Facebook Icon
  • Black Twitter Icon
  • Black Google+ Icon
  • Black YouTube Icon
  • Black Pinterest Icon
  • Black Instagram Icon

Archinzeb tutti i diritti riservati

CONTRATTO DI QUARTIERE II A LANCIANO

Programma di sperimentazione

1/9

Il Contratto di Quartiere II è localizzato nel quartiere Santa Rita a Lanciano (CH). Il quartiere di edilizia economica e popolare Santa Rita è sorto intorno alla metà degli anni settanta in zona periferica, lungo la direttrice Lanciano-San Vito. Con oltre 7.000 abitanti, rappresenta il quartiere più popoloso della città. Ad oggi il piano risulta essere attuato quasi integralmente, mentre le urbanizzazioni sono state realizzate in minima parte. Per questa ragione il quartiere risulta carente di tutti quei servizi e quelle infrastrutture che dovrebbero appartenere ad un ambito urbano. La popolazione, nei vari incontri promossi dall’amministrazione comunale nell’ambito dell’attività di partecipazione alla formazione del contratto di quartiere, ha confermato queste carenze, lamentando la mancanza di una dimensione urbana del contesto. In programma di finanziamento del programma richiedeva lo svolgimento di un’attività di sperimentazione con la supervisione del C.E.R. - Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Il progetto è stato sviluppato con l’obiettivo di perseguire, attraverso l’impiego di criteri operativi della bioarchitettura e dell’ecologia urbana, le seguenti finalità:

  • risparmio delle risorse naturali (acqua ed energia);

  • miglioramento della qualità ambientale (aria, rifiuti).

Le scelte progettuali sono state supportate da un’analisi puntuale dell’intero quartiere.

Al fine di individuare gli edifici sui quali intervenire prioritariamente, ottenendo il maggior ritorno socio-economico dell’investimento, sono state effettuate le seguenti indagini:

  • studio del contesto localizzativo;

  • studio dell’ombreggiamento ed irradiazione solare;

  • analisi biofisica (copertura vegetazionale e permeabilità dei suoli) e clivometrica;

  • analisi del degrado degli edifici.

I risultati dell’indagine hanno condotto ad intervenire su 4 palazzine, costituite complessivamente da 44 alloggi.

Il contratto di quartiere ha puntato, in via prioritaria, alla realizzazione di interventi migliorativi sul patrimonio edilizio esistente tesi all’abbattimento dei costi di gestione e di manutenzione, attraverso l’impiego di tecnologie appropriate e tecniche di contenimento energetico.

L’intervento di recupero è stato articolato nei seguenti interventi:

  • sostituzione infissi;

  • sostituzione canali di gronda e pluviali, compresa la relativa condotta di raccolta e convogliamento all'impianto di recupero acque;

  • impianto per il recupero delle acque piovane, con vasca interrata da 30 m3 e rete di alimentazione delle cassette scaricatrici dei water;

  • coibentazione corpo scala con cappotto costituito da pannello in polistirene espanso;

  • isola ecologica con comparti per il conferimento differenziato dei rifiuti;

  • rivestimento a cappotto delle pareti esterne esposte a Nord e ad Est, costituito da pannello in polistirene estruso;

  • realizzazione di pareti ventilate sulle pareti Sud e Ovest, con paramento esterno con piastrelle ceramiche;

  • costruzione di serre bioclimatiche, con sistema di schermatura motorizzato;

  • impianto solare termico per produzione diretta di acqua idrosanitaria e preriscaldamento in caldaia;

impianto fotovoltaico integrato per l’alimentazione dei servizi comuni.

Tipologia

Recupero

Edilizia residenziale pubblica

Città

Lanciano (CH)

Stato

Italia

Data

Aprile 2012

Progettista

Arch. Ing. Stefano de Vito

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now